Archivio

Posts Tagged ‘xkcd’

le leggi della fisica

settembre 8, 2016 1 commento

Immagino la scena, io che entro, i saluti, l’allegria. E poi io che devo spiegare che quest’anno, per via delle alchimie dell’orario, non sarò più la loro prof di matematica, e diventerò quella di fisica. E questa cosa per me è bella – non più bella, solo diversamente bella, diciamo.

Però per la fisica serve una testa diversa, per me è sempre difficile da spiegare, anzi no, non è una cosa che si spiega, è una cosa che bisogna imparare a riconoscere, a vivere. Fisica si fa con la testa ma anche, molto, con le mani, con gli occhi, con il corpo. Bisogna (provare a) farla, con pazienza, con piacere.

 

laws_of_physics

(http://xkcd.com/1670/)

The laws of physics are fun to try to understand, but as an organism with incredibly delicate eyes who evolvede in a world full of sharp object, I have an awful lot of trust in biology’s calibration on my flinch reflex.

Di citazione in citazione, citiamo pure Lewin. Le sue lezioni di fisica sono uno spettacolo, letteralmente (*).

lewin

E io qui non ci arrivo, eh.
La prima cosa, la prima, che vorrei è che dimenticassero la prima pagina del libro di testo
– la fisica si divide in meccanica, termodinamica, elettromagnetismo…
ma per questo ci vorrà del tempo.

L’anno che sta arrivando, tra un anno passerà. Io mi sto preparando.

(*) Ma l’accusa di sexual harassment è stato un colpo, che mi colpisce di nuovo duramente ogni volta che ci penso.

alberi

dicembre 24, 2012 Lascia un commento

L’ultimo giorno di scuola, con la scusa di introdurre gli slider di GeoGebra, abbiamo fatto l’albero con i pentamini, come alle elementari

(infatti, l’idea l’ho copiata dalla maestra Renata).

BuonNatale

(clic per giocare)

Però, però. Ai minorenni di casa è piaciuto, e io sento una gran nostalgia delle interminabili partite a Tetris che si facevano una volta. Natale è o non è il momento giusto per rimembrare il bel tempo che fu? E qui però ci troviamo di fronte a un bivio. Continuare a lavorare sui pentamini, per passare allegramente alle tassellazioni, oppure dalle lucette dell’albero virare verso i circuiti?

Ah, saperlo.

Per il momento, il cenone aspetta (soprattutto qualcuno che si decida a cucinare)

Buon Natale!

Il mondo è così grande

settembre 20, 2012 1 commento
Categorie:2.0 Tag:

Marie

novembre 7, 2011 Lascia un commento

Google omaggia Marie Curie nell’anniversario della nascita con un doodle dal sapore impressionista, che la ritrae elegantemente seduta a contemplare graziose bottigliole – potrebbero  essere i liquorini che preparava l’amica della mia nonna. Se non fosse che i suoi ricettari sono ancora radioattivi.

Invece.

Il suo laboratorio era una vecchia baracca di legno, una rimessa abbandonata il cui tetto di vetro era in condizioni talmente disastrose che la pioggia filtrava in continuazione nel locale che la Facoltà di Medicina aveva un tempo utilizzato come sala di dissezione, ma che poi non era più stato giudicato  degno di ospitare cadaveri umani, e nemmeno animali. Non c’era pavimento, il suolo era coperto semplicemente da uno strato di bitume, come mobilio qualche antiquato tavolo da cucina, una lavagna e una vecchia stufa di ghisa dalla canna arrugginita.

(Per Olov Enquist, Il libro di Blanche e Marie)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: